Nuove energie, economia circolare, tecnologie per le smart city
benvenuto nella città2a
SCOPRI DI PIÙ SUL SITO A2A
PROSEGUI NEL SITO A2A ILLUMINAZIONE PUBBLICA
GRUPPO A2A
NUOVE ENERGIE
AMBIENTE
SMART CITY
SCOPRI A2A

< Indietro

Accompagnamo le persone
nei loro gesti quotidiani
La Città2a
Scopri la news

< Indietro

Una nuova energia
in tutte le sue forme
Benessere e comfort in un call center
Scopri la news

< Indietro

Valore dalla fine all'inizio
Economia circolare: valore dalla fine all’inizio
Scopri la news

< Indietro

Il domani delle città
da un nuovo punto di vista
Come cambiano i servizi nella città del futuro?
Scopri la news

Il progetto

La Galleria Vittorio Emanuele II risplende di nuova luce grazie ad un intervento di riqualificazione illuminotecnica ad opera di A2A illuminazione pubblica.
L’intervento rientra nel piano di efficientamento degli impianti d’illuminazione pubblica della città di Milano.

Grazie ad un intervento di riqualificazione degli impianti, la Galleria si veste di una nuova luce: si tratta di un’illuminazione semplice, naturale, efficiente, volta a restituire una nuova lettura delle facciate del monumento, mettendo in risalto gli elementi di pregio artistico presenti quali i mosaici delle lunette dell’ottagono e le statue raffiguranti le aquile.

Con un importante intervento di “ristrutturazione illuminotecnica” è stato possibile favorire una migliore lettura degli elementi architettonici della Galleria, nonché rispondere ad esigenze funzionali e soluzioni che rispettino e valorizzino l’architettura dell’edificio, utilizzando tecniche di illuminazione e dispositivi non invasivi.
Importante novità è rappresentata dall’illuminazione dei mosaici delle lunette che prima dell’intervento non erano dotate di illuminazione.

I risultati

Risultati significativi sono stati possibili grazie all’utilizzo della tecnologia LED ad alta resa cromatica, temperatura di colore 3200°K (4000) e vita media 50.000h. Fattori che hanno permesso di migliorare la qualità della luce ed il flusso ottimizzato attraverso l’utilizzo di ottiche specifiche che limitano l’abbagliamento diretto verso i fruitori.
Il progetto ha permesso una ottimizzazione tecnologica ed energetica.
Sono stati rimossi 169 corpi illuminanti e installati 144 nuovi apparecchi.